Modifiche regolamento commissione taxi

Accarrino (CTCU): “Disposto a revocare dimissioni”


Il rappresentate dei consumatori nella commissione taxi del Comune di Bolzano, Agostino Accarrino, annuncia di essere disposto a revocare le sue dimissioni in seguito alle annunciate modifiche della giunta Caramaschi, relative al regolamento della commissione che si occupa di valutare eventuali “fatti gravi o violazioni” commesse dai tassisti.

Le dimissioni erano state presentate da Accarrino per contestare la mancata sospensione della licenza al tassista, accusato di aver aggredito una donna a Bolzano, decisa dalla commissione taxi del Comune. Il rappresentate dei consumatori e sindacalista della Cgil-Agb era invece favorevole alla sospensione della licenza e aveva evidenziato come la composizione della commissione fosse del tutto “sbilanciata”. Secondo Accarrino, la commissione non doveva entrare nel merito delle questioni penali, cosa che è pertinenza degli organi preposti, ma aveva l'obbligo di tutelare una categoria di lavoratori, cioè i tassisti che svolgono un servizio pubblico molto delicato, come pure quella degli utenti che usufruiscono del servizio stesso.

“Giudico positiva – così Accarrino in una nota del Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU) - la proposta dell’assessora Maria Laura Lorenzini di riequilibrare la composizione della commissione comunale, in modo che rispecchi meglio il peso dei vari soggetti coinvolti. Prima i membri dei rappresentanti della categoria dei tassisti erano quattro, ora diventerebbero due, equiparati quindi al numero dei rappresentanti degli utenti, così come avevamo richiesto. Per questo ho deciso di revocare le mie dimissioni”.

“La nostra richiesta di rimodulare la rappresentanza dei rappresentanti di tassisti e utenti all’interno della commissione in nome di una maggiore equità è stata accolta. Mi dichiaro quindi disposto a revocare le mie dimissioni”, così in conclusione il presidente del CTCU, Agostino Accarrino, che si esprime in modo favorevole anche sull’insieme delle modifiche proposte dalla giunta comunale.



Comunicato stampa
Bolzano, 29/12/2016