Pronto Consumatore Dicembre 2008


Bollettino d'informazione del Centro Tutela Consumatori Utenti - supplemento al n. 75

La versione integrale cartacea del Pronto Consumatore viene recapitata gratuitamente via posta ai soci del CTCU oppure è disponibile in formato PDF nella sezione download. Le seguenti news sono un estratto.



Il sito del mese

Tenere il bilancio familiare sotto controllo con un clic:
www.contiincasa.centroconsumatori.it


Via le banche dalle scuole

"Conoscere la Borsa divertendosi", è la formula di un gioco a premi promosso da un importante istituto bancario altoatesino e rivolto agli alunni delle scuole superiori. Il CTCU critica l'iniziativa, giudicandola un invito ad abbracciare quel modello economico-finanziario che tanti disastri sta producendo in questi mesi. Anziché permettere l'"iniziazione" dei giovani alla speculazione finanziaria e al gioco d'azzardo, la scuola dovrebbe piuttosto educarli a un corretto rapporto con il denaro e a una gestione responsabile del risparmio, informandoli adeguatamente sui guasti tremendi di un certo tipo di liberismo economico.


Scandalo del formaggio

Lo scandalo del formaggio partito da Cremona si sta delineando in tutta la sua gravità. Gli accertamenti hanno riscontrato il riciclo e la reimmissione sul mercato di 11.000 tonnellate di formaggio avariato, contenente vermi, escrementi di topo, residui di colore e plastica delle etichette. Il consiglio è di evitare l'acquisto di mozzarelle, sottilette, formaggi spalmabili e gorgonzola prodotti dalle grandi aziende.


Sicurezza dei depositi bancari

Tutte le banche italiane aderiscono al Fondo interbancario di tutela dei depositi, che garantisce a ciascun correntista un rimborso massimo non inferiore a 103.291,38 euro. Entro i primi tre mesi dall'inizio della liquidazione coatta della banca (prorogabili fino a nove mesi nei casi stabiliti dalla Banca d'Italia) sono rimborsati 20.000 euro. Il resto dipende dalle modalità di liquidazione e può farsi attendere a lungo. Nel sito del CTCU (sezione "F.A.Q.") si trovano le domande più frequenti poste in queste settimane dai risparmiatori.


Crisi finanziaria e polizze vita

Le polizze vita unit-linked e index-linked sono prodotti a contenuto speculativo-finanziario e quindi risentono pesantemente dell'attuale crisi dei mercati. Chi possiede queste polizze dovrebbe chiedere ragguagli alla compagnia assicuratrice o alla banca competente, preferibilmente inviando una richiesta scritta di informazioni
Lettera tipo da scaricare

"Immigrati" illegali, ma col pedigree

La LAV torna a denunciare l'importazione di cuccioli di cani e gatti dai Paesi dell'Est: animali troppo giovani, malati, senza vaccinazione, spesso in fin di vita o già morti. Il timore è che sotto Natale questo traffico clandestino aumenti. L'organizzazione animalista invita a non sostenere le bande di venditori senza scrupoli attraverso l'acquisto dei loro animali e a firmare la petizione contro questo commercio vergognoso:
www.lav.it


Pietre per l'edilizia senza lavoro minorile

L'associazione tedesca Xertifix certifica le pietre da pavimentazione prodotte in modo sostenibile. In particolare combatte lo sfruttamento del lavoro minorile nelle cave dell'India. Le aziende insignite del marchio "Xertifix" pagano una tassa per il suo utilizzo, con la quale viene finanziata l'organizzazione umanitaria Misereor che promuove il miglioramento delle condizioni di lavoro nelle cave asiatiche. Consumatori privati ed enti pubblici che acquistano pietra da pavimentazione da oltreoceano dovrebbero perlomeno scegliere i prodotti con questo marchio.
www.xertifix.de


Menu natalizio a base di prodotti tipici

Chi si nutre male ingrassa e si ammala. I nuovi obesi costano in cura 23 miliardi di euro l'anno, pari al 7% della spesa sanitaria europea. Gli allarmanti dati presentati da Coldiretti impongono una presa di distanza dal modello alimentare del fast food e un ritorno alla buona e sana cucina mediterranea. Frutta, verdura, olio d'oliva, pane, pasta e vino di qualità sono gli ingredienti per mantenersi in salute e invecchiare bene. Provare per credere, cominciando dal menu di Natale!


NEPIM, una rete per il consumo sostenibile

Lo scorso novembre a Trento è nata NEPIM, rete di regioni europee impegnate nella promozione del consumo sostenibile. Vi aderiscono associazioni dei consumatori di Alsazia, Catalogna, Repubblica Ceca, Austria, Nordreno-Vestfalia, Saarland, Belgio orientale, Toscana, Umbria e Trentino Alto Adige.


No all'aumento del canone Telecom

Le maggiori associazioni dei consumatori hanno promosso una petizione online che chiede di ritirare l'aumento del canone Telecom, ridurre le tariffe di "terminazione nella telefonia mobile" ed evitare qualunque decisione che possa pregiudicare le scelte sugli assetti proprietari della rete telefonica di nuova generazione. Chi vuole, può sottoscrivere la petizione su www.centroconsumatori.it


A Natale regaliamo...
 

  • ...prodotti del commercio equo e solidale, perché portano dignità a chi li riceve e a chi li produce, rispettano l'uomo e l'ambiente, esprimono solidarietà verso altre culture.
  • ...prodotti artigianali e artistici realizzati da persone disabili nei laboratori protetti. Un gesto di sensibilità e di apprezzamento per il lavoro di individui ancora spesso discriminati e di chi li assiste (indirizzi e cataloghi sui siti delle Comunità comprensoriali).
  • ...un'adozione a distanza.
  • ...un contributo a un'associazione per i diritti umani, i diritti animali o la difesa dell'ambiente.
  • ...un cane o un gatto preso alla "Sill", anziché comprato in negozio.
  • ...un quarto d'ora della nostra attività professionale per una nobile causa o per un conoscente in difficoltà.
  • ...una visita a persone anziane, sole, malate o che semplicemente non vediamo da un po'.
  • ...un abbonamento a una rivista o un quotidiano a rischio chiusura per i paventati tagli all'editoria.



Il libro consigliato

Tutti pazzi per il marchio?

Tema di questo brillante volume è il branding, fenomeno che invade ormai qualunque spazio della nostra vita quotidiana. Ognuno di noi è martellato ogni giorno da migliaia di marchi commerciali che influiscono su emozioni, stili di vita e cultura. L'obiettivo delle aziende è uno solo: il cliente deve perdere la capacità di pensare criticamente, agire d'impulso, innamorarsi di un marchio fino a ignorarne il prezzo. Per questo oggi molti brand hanno un odore, un gusto, un suono... Tutto si può marchiare, non solo beni e servizi, ma addirittura l'immagine delle guerre e delle calamità naturali. Resta fortunatamente aperta la domanda: questa manipolazione emotiva riuscirà ad avere definitivamente la meglio sulla ragione dei consumatori?

Conley, Lucas
Sindrome ossessiva da brand. L'illusione del business e il business dell'illusione
182 pp., Nuovi Mondi Edizioni, 2008
ISBN: 88890915628