Proteggere la pelle dei bambini dal sole

Scegliete l’abbigliamento adatto!

Chi ha intenzione di viaggiare in luoghi caldi e assolati dovrebbe portare con sé abbigliamento con maniche lunghe, perché è proprio in questo modo che si può proteggere al meglio dagli intensi raggi solari la pelle sensibile dei bambini. In effetti sono proprio le scottature solari dell’infanzia e dell’adolescenza le principali responsabili di eventuali tumori della pelle.

Si consiglia di prestare particolare attenzione, nell’acquisto di abbigliamento per bambini, al fatto che i vestiti coprano parti particolarmente esposte come le spalle e il collo e che la stoffa sia di un tessuto fitto.

Se si tiene un tessuto in controluce si può vedere se e quanta luce solare lascia passare; inoltre le fibre di colore scuro proteggono dal sole meglio che quelle di colore chiaro. Prima di indossarli per la prima volta i vestiti dovrebbero essere lavati, in quanto il lavaggio rende più fitto il tessuto. L’adattamento dei vestiti al corpo ha un effetto positivo anche sulla protezione dai raggi solari, mentre la permeabilità del tessuto aumenta in caso di eccessivo allargamento. Inoltre occorre stare attenti, fin dall’acquisto, che i vestiti non siano troppo stretti.

Per il momento solo pochi prodotti tessili sono stati contrassegnati in base al loro fattore di protezione dai raggi solari. Il Centro Tutela Consumatori Utenti critica a tal proposito il fatto che i consumatori non possano riconoscere se vi sia o meno protezione dal sole in base al tipo di tessuto oppure grazie a trattamenti chimici del tessuto stesso.

Sulle parti del corpo esposte al sole, si dovrebbe applicare una crema solare ad alto fattore protettivo mezz’ora prima dell’esposizione, inoltre un cappello o berretto dovrebbe proteggere ulteriormente da scottature al viso o alla nuca.

Per i bambini più piccoli la migliore protezione della testa è data da berretti con visiera e ulteriore protezione per la nuca.

Situazione al
04/2014

like-512_0.png

like-512_0.png

Top