Agevolazioni e incentivi nell'edilizia in Alto Adige

Le agevolazioni concesse nel settore edile si distinguono secondo le seguenti categorie:

  • incentivi provinciali per interventi di risparmio energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili
  • bonus fiscale: prefinanziamento della Provincia
  • agevolazioni provinciali per la costruzione, il risanamento o l'acquisto della prima casa (edilizia abitativa sovvenzionata)
  • detrazione IRPEF per la ristrutturazione di fabbricati
  • agevolazione statale: conto termico

Incentivi provinciali per interventi di risparmio energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili

Sono sovvenzionati i seguenti interventi:

  • coibentazione di tetti, pareti esterne, solai sottotetto e primi solai (controterra o sopra il piano interrato), porticati e terrazze di edifici esistenti prerequisiti: concessione edilizia rilasciata prima del 12.01.2005 e Certificazone CasaClima C o CasaClima R o il raggiungimento del valore U
    contributo: tra 30 e 50% e per i condomini fino a 70% dei costi ammissibili
  • sostituzione di finestre e portefinestre prerequisiti: concessione edilizia rilasciata prima del 12.01.2005 e Certificazone CasaClima C o CasaClima R contributo: 50% dei costi ammissibili
  • Recupero di calore da impianti di ventilazione prerequisiti: concessione edilizia rilasciata prima del 12.01.2005 e Certificazone CasaClima C o CasaClima R
    contributo: 50% dei costi ammissibili
  • Risanamento energetico di singole unità immobiliari prerequisiti: concessione edilizia rilasciata prima del 12.01.2005 e Certificazone CasaClima R dell’unità immobiliare
    contributo: 50% dei costi ammissibili
  • Bilanciamento idraulico di impianti di riscaldamento e condizionamento esistenti prerequisiti: concessione edilizia rilasciata prima del 12.01.2005
    contributo: 50% dei costi ammissibili
  • installazione di impianti solari termici
    contributo: 50% dei costi ammissibili
  • installazione di impianti di riscaldamento a biomassa solida con caricamento automatico e caldaie a gassificazoine di legname spezzato prerequisiti: concessione edilizia rilasciata prima del 12.01.2005 e Certificazone CasaClima C o CasaClima R
    contributo: 50% dei costi ammissibili
  • installazione di pompe di calore prerequisiti: concessione edilizia rilasciata prima del 12.01.2005 e Certificazione CasaClima C o CasaClima R
    contributo: 50% die costi ammissibil

 

fino all'65 % delle spese documentate (IVA esclusa):

  • realizzazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica
  • realizzazione di centrale eoliche per la produzione di energia elettrica

I contributi possono essere concessi solamente se non sussiste la possibilità economicamente o tecnicamente sostentibile di allacciamento alla rete elettrica..

Ufficio provinciale competente:
Ufficio risparmio energetico, via Mendola 33,
39100 Bolzano, Tel.: 0471-414720

Ulteriori informazioni, moduli di richiesta e tabelle in: Ufficio Risparmio energetico

Attenzione: i contributi non sono cumulabili con altre incentivazioni a carico del bilancio provinciale.

Contributi provinciali per la costruzione, il risanamento o l'acquisto della prima casa (edilizia abitativa sovvenzionata)

Per accedere a un contributo edilizio provinciale occorre essere in possesso di specifici requisiti quali: residenza in provincia di Bolzano, età, certificato di lavoro, reddito non inferiore al minimo vitale, nessuna proprietà immobiliare ecc. L'importo e il tipo di finanziamento (mutuo a interessi zero o contributo in unica soluzione) sono definiti sulla base di un'apposita graduatoria. I criteri di assegnazione dei punti per la graduatoria sono: condizioni economiche della famiglia, numero dei componenti della famiglia, anni di residenza in provincia di Bolzano, provvedimento di sfratto, revoca dell'alloggio di servizio, occupazione di un'abitazione dichiarata inabitabile o sovraffollata, formazione di una nuova famiglia, il/la richiedente o un/a dei familiari è un/a mutilato/a o un/a invalido/a civile o del lavoro.

bonus fiscale: prefinanziamento della Provincia

Dal 1° luglio 2014 è partito il prefinanziamento da parte della Provincia in relazione alle detrazioni fiscali previsti per i costi di misure straordinarie di risanamento della prima casa. Il prefinanziamento assume la forma di un mutuo senza interessi, da restituire in 10 rate annuali.


Ufficio provinciale competente:
Ufficio edilizia abitativa, via Kanonikus-Michael-Gamper 1, 39100 Bolzano, Tel.: 0471-418741

Ulteriori informazioni in:
http://www.provincia.bz.it/edilizia-abitativa/temi/temi.asp
http://www.afb.bz/afb_it/vademecum-edilizia-abitativa/index.html

Detrazione IRPEF per la ristrutturazione detrazione IRPEF per la ristrutturazione di fabbricati

Per gli interventi di ristrutturazione e di manutenzione straordinaria di abitazioni ed edifici residenziali è prevista una detrazione fiscale dall'imposta sul reddito delle persone fisiche (ripartita in 10 anni). La detrazione fiscale è stata prorogata a tempo indeterminato.

Le spese per lavori di riqualificazione degli edifici effettuati nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2018, possono essere detratte dall’imposta sul reddito nella misura del 50% (finora il limite era del 36%). Dal 01 gennaio 2019 in poi verrà diminuito al 36%.

L’importo massimo di spesa sono 96.000 Euro per unità immobiliare e intervento edilizio. Dal 01 gennaio 2019 in poi verrà diminuito a 48.000 euro.

L'agevolazione è concessa per lavori di manutenzione straordinaria (interventi per il rinnovo e il miglioramento dell'edificio, sostituzione di serramenti, installazione impianto di riscaldamento, realizzazione di recinzioni ecc.), lavori di recupero e risanamento (riferiti a edifici di particolare valore storico o architettonico), trasformazione edilizia e altre opere suscettibili di finanziamento (ad es. interventi per il risparmio energetico, interventi per la messa in sicurezza ecc.) e altro ancora. Nel caso dei condomini sono finanziati anche i lavori di manutenzione ordinaria (manutenzione dell'edificio e dell'impiantistica).

La detrazione del 50% si applica anche all’acquisto di mobili finalizzati all’arredo dell’immobile ristrutturato e degli grandi elettrodomestici a risparmio energetico per i quali è prevista l’etichetta energetica.
L’importo massimo detraibile per i mobili, l’arredo e gli elettrodomestici sono 5.000 Euro (50% su 10.000 Euro), da ripartire in dieci rate annuali di pari importo.

Esempi per l’arredo dell’immobile:
Letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e gli apparecchi di illuminazione.

Esempi per grandi elettrodomesticiFrigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici e apparecchi per il condizionamento. I grandi elettrodomestici non devono essere inferiore alla classe energetica A+, nonché A per i forni.

Ulteriori informazione si trova nella circolare dell’Agenzia delle Entrate nr 29E del 18 settembre 2013 nella guida fiscale “bonus mobili ed elettrodomestici ".

Ulteriori informazione sull’etichetta dell’efficienza energetica degli elettrodomestici si trova nel foglio informativo “Consumo energetico degli elettrodomestici”.


Per l’acquisto di fabbricati a uso abitativo ristrutturati è prevista una detrazione IRPEF del 50%. La detrazione fiscale viene calcolata sul 25% del prezzo di acquisto (IVA inclusa) fino ad un importo massimo di 96.000 Euro per unità immobiliare.

Novita anno 2018 : Bonus verde per la sistemazione di giardini e terrazzi: Gli interventi di sistemazione a verde (per appartamenti e parti comuni degli edifici condominiale) saranno incentivati con una detrazione fiscale dall’IRPEF del 36% delle sostenute nel 2018, fino ad un massimo di 5.000 Euro per unità immobiliare (tetto massimo di detrazione: 180 Euro /anno).

Ulteriori informazioni:

Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali – febbraio 2018

Inoltre è prevista la detrazione IRPEF o IRES del 65 % per i seguenti interventi:

  • riqualificazione energetica di edifici esistenti, a condizione che il fabbisogno di energia primaria conseguito sia inferiore rispetto ai valori indicati dal d.lgs. del 11.03.2008 e le modifiche dal d.lgs. del 26.01.2010. L'agevolazione, concessa fino a un tetto massimo di 100.000 euro;
  • interventi di risparmio energetico su edifici esistenti, parti di essi o unità immobiliari, a condizione che soddisfino i requisiti di trasmittanza termica (valori U) indicati dal d.lgs. del 11.03.2008 e le modifiche dal d.lgs. del 26.01.2010. L'agevolazione riguarda strutture fisse verticali (muri) e orizzontali (coperture, pavimenti), come pure finestre e infissi. Concessa fino a un tetto massimo di 60.000 euro. Per 2018 la detrazione per le finestre è ridotta al 50%.

     

Trasmittanza termica (valori U)

   
Elemento costruttivo Zona climatica E Zona climatica F
Strutture fisse verticali (muri) 0,27 W/m²K 0,26 W/m²K
Strutture fisse orizontali (coperture) 0,24 W/m²K 0,23 W/m²K
Strutture fisse orizontali (pavimenti) 0,30 W/m²K 0,28 W/m²K
Finestre e infissi 1,80 W/m²K 1,60 W/m²K
  • L’acquisto e posa in opera delle schermature solari per evitare un surriscaldamento. L'agevolazione, concessa fino a un tetto massimo di 60.000 euro. Per 2018 la detrazione è ridotta al 50%.

  • Sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento con un impianto dotato di caldaia a condensazione, impianti geotermici a bassa entalpia, un impianti con pompe di calore ad alta efficienza o un impianto dotato di generatori di calore alimentato a biomasse combustibili (legna, pellets, cippato, mais), e relativo adeguamento della rete di distribuzione. L'agevolazione, concessa fino a un tetto massimo di 30.000 euro. Per 2018 è riconosciuta una detrazione variabile dal 50% al 65%.

  • Acquisto, installazione e messa in opera di impianti domotici

  • Sostituzione di scaldaacqua tradizionali con scaldaacqua a pompa di calore. Concessa fino a un tetto massimo di 30.000 euro.

  • acquisto di pannelli solari per la produzione di acqua calda. L'agevolazione, concessa fino a un tetto massimo di 60.000 euro;

Per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali è previsto una detrazione fiscale fino al 75% delle spese sostentute fino al 31 dicembre 2021.

Novità 2018: detrazione del 65% per la sostituzione di impianti esistenti con impianti di micro-congeneratori a condizioni che prducano un risparmio di energia primaria del 20%. Tetto massimo di detrazione: 100.000 Euro.


Ulteriori informazioni e moduli di richiesta presso:
ENEA a Roma, numero verde: 800 985 280
www.acs.enea.it/

Agenzia delle Entrate, Numero Verde: 848800444

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico – settember 2017

Conto termico

ulteriori dettaglie per l'incentivo per pompe di calore, collettori solari e generatori di biomassa nel nostro folglio informativo.

 

 

Ulteriori informazione:

Guida fiscale

http://www.afb.bz/afb_it/vademecum-edilizia-abitativa/index.html

http://www.acs.enea.it/

http://www.gse.it/it/Pages/default.aspx

www.edilportale.it

Situazione al
03/2018

like-512_0.png

like-512_0.png

Top